Motta Sant'Anastasia

Motta Sant'Anastasia

Il paese dista 12 km da Catania, e si sviluppa su una rupe di origine basaltica, formatasi in epoca glaciale. Data l’imponente massa monolitica, detta, secondo un’antica leggenda, ombelico dell’Etna, tale area ha ricoperto una grande importanza sotto un punto di vista militare.

La parte più antica di Motta Sant’Anastasia è stata edificata su un neck, una rupe di origine vulcanica. Una lunga ed intensa eruzione risalente a 550.000 anni fa provocò la formazione di un cono vulcanico. Nel corso dei secoli, a causa dei processi di erosione, il cono ha assunto l’attuale forma a “rocce colonnari” prismatiche a sezione esagonale e pentagonale più o meno regolari, raggiungendo l’altezza di 65 metri. Quello di Motta è l’unico esempio di neck presente in Italia, oltre a Strombolicchio. Altri casi si riscontrano in Francia, in Algeria  e negli U.S.A.

Motta, come altre città della Valle del Simeto, ha origini antiche. Studi archeologici risalenti al 1954 nella contrada Ardizzone, attestano la presenza greca nel territorio intorno a secoli V-IV a.C. Il periodo romano, invece, è testimoniato dal ritrovamento di alcune monete risalenti al periodo del grande impero, e da un mosaico rinvenuto in contrada Acquarone, appartenente ad una villa.

Sull’origine del nome Motta Sant’Anastasia esistono diverse ipotesi. Secondo alcuni studiosi Motta (nome preromano) e Anastasia (nome greco-bizantino) hanno significati simili ed indicano la natura del luogo, il tipico rilievo del territorio che da secoli è caratterizzata dal Neck e i dintorni di Motta Sant’Anastasia. Successivamente nei secoli XII-XIV, i due nomi furono accostati ed i cittadini si associarono nella devozione e nel culto di Sant’Anastasia, patrona della cittadina.

Motta, fin dal periodo di Dionisio, tiranno di Siracusa, ricoprì un ruolo di notevole importanza come roccaforte di avvistamento e di difesa.

Tale ruolo crebbe durante il periodo normanno con Ruggero d’Altavilla che vi fece edificare una torre per presidiare l’imbocco della piana di Catania e proteggere così i possedimenti normanni dalle continue incursioni saracene. Le caratteristiche del territorio, i resti delle strutture di difesa e quelle abitative evidenziano la tipicità medievale della cittadina. “La Motta”, infatti, consisteva in un luogo sopraelevato da dove era possibile controllare l’intero territorio circostante. In Inghilterra, intorno al 1066, sulla “Motta” dei luoghi di conquista, i Normanni costruivano una torre di legno per difendere i territori occupati. Ma in Sicilia, per la carenza di foreste, i Normanni dovettero edificare le loro torri con pietra basaltica. A Motta tale costruzione era stata facilitata dalla conformazione morfologica del luogo, che ben si prestava all’edificazione dell’avamposto difensivo.

Il primo insediamento fuori dalle mura fu il quartiere Urnazza che, intorno al 1500, sorse nei pressi dell’attuale chiesa di Sant’Antonio, allora luogo di sepoltura dei quartieri “Urnazza” e “Matrice”.

Nel 1526 la città diventò feudo di Antonio Moncada, conte di Adernò, e per quattro secoli, fino al 1900, il castello fu destinato essenzialmente a essere una prigione.

Nella seconda metà del 1600 vi erano a Motta 560 abitanti. Tra la seconda metà del 1700 e il 1800 cominciò meglio a delinearsi la struttura del paese, con la nascita di nuovi quartieri, come quelli di “Croce”, “Pozzo”, “Sciddichenti”.

Nel 1798 gli abitanti di Motta divennero 1400 e nel censimento del 1831 arrivarono a 2181.

Il 1º gennaio 1820 il tribunale di Catania istituì il comune di Motta Sant’Anastasia.

Fonte: Wikipedia

Cosa vedere

Non sono presenti Attrazioni accesibili ai disabili in questo Comune.

Servizi